Renzi come Macron? Vedremo, intanto ho votato alle primarie PD

Vuoi che nel sistema proporzionale verso il quale stiamo rapidamente veleggiando, parlare di candidato premier è alquanto inutile. Vuoi che queste primarie sembravano tanto un triangolare tra Barcellona, Crotone e Pro-Vercelli. Vuoi che giorno più sfigato non ci fosse (in mezzo al ponte del 1 maggio, vai a capire la ratio). Insomma, per tutti questi motivi, la voglia di non votare alle primarie del Partito Democratico non era enorme. Sarebbe stata la prima volta per me, piddino di destra ma liberale di sinistra, non partecipare alle primarie democratiche. Continua a leggere “Renzi come Macron? Vedremo, intanto ho votato alle primarie PD”

Annunci

Intervista col mediano

Oggi ci è venuto a trovare Valerio Rossi, 45 anni, elettore mediano. L’importanza di Valerio non ve la sto a raccontare; la letteratura economica e politica brulica di teoremi e congetture su di lui. Valerio, è, in sostanza, colui che votando ha le maggiori possibilità di influenzare un’elezione, l’offerta politica dei partiti e quindi la politica italiana in generale. Comprendere cosa pensi della società italiana e mondiale è quindi di grande importanza per noi tutti. Da qui nasce la nostra intervista.

Continua a leggere “Intervista col mediano”

Nessuno tocchi il Brennero!

Per chi scrive, nato sotto Schengen, il Brennero non è mai stato un confine: l’ho attraversato diverse volte e dall’altra parte cambiava solo la lingua, anzi in realtà nemmeno quella (in Alto Adige di italiano se ne sente ben poco). Di conseguenza non ho mai neppure immaginato che qualcuno potesse metterci una barriera e dividere l’Italia dall’Austria, ma pare che le autorità di Vienna siano di diverso avviso. La decisione del governo austriaco di introdurre dei controlli al confine italiano presso il passo del Brennero è però una decisione ben poco condivisibile, assurda, ma soprattutto profondamente sbagliata. Una scelta contraria al senso storico, contraria agli obblighi comunitari e contraria al buon senso, merce di questi tempi sempre più rara nella classe politica del vecchio continente.

Continua a leggere “Nessuno tocchi il Brennero!”

L’ora di collaborare, per davvero

Le reazioni ai drammatici attentati di questa mattina a Bruxelles seguiranno la solita strada dei loro predecessori in Francia: Facebook si riempirà di post preconfezionati che esprimono disperazione e compariranno le consuete bandiere sulle foto profilo. Dopo un paio di giorni il giusto cordoglio lascerà spazio all’indignazione, indignazione che verrà sfruttata in modo più o meno populista da molti leader politici del continente. Arriveranno poi da parte dei governi le solite misure di sicurezza postume ed improvvisate, disposte da ciascun Paese come preferisce, giusto per dare l’impressione di essere vigili contro la minaccia terroristica.
Quello che purtroppo non segue mai questi tragici eventi è una riflessione su ciò che si potrebbe fare a livello comunitario per prevenire questi attacchi. Continua a leggere “L’ora di collaborare, per davvero”

Ci meritiamo il collasso di Schengen

Ce lo meritiamo, sì. Perché una classe dirigente tanto mediocre e priva di visione è solo lo specchio di una società in declino. Schengen era il sogno di un’Europa unita, la prima vera realizzazione di pax in un’area economicamente e socialmente avanzata dopo l’Impero Romano (è caduto nel 476 – così, per darvi un’idea delle tempistiche). Ci rinunciamo perché non sappiamo negoziare e realizzare un sistema di accoglienza profughi, controllo del terrorismo e consolidamento dei confini? E allora rinunciamoci: è inutile starsela a contare. Guardate la storia recente dell’Europa: non solo di crisi si parla, ma d’incapacità di visione geopolitica, d’imposizione del proprio soft-power oltre i propri confini (Libia, Ucraina, Siria per citarne alcune), inseguimento di voti facili e a buon mercato (è tutta colpa dell’Europa/è tutta colpa dell’Euro), populismo, pavidità. Continua a leggere “Ci meritiamo il collasso di Schengen”

Tassi e rischi dell’espansione monetaria, for dummies

ye2 - Copia mod2
Janet Yellen, presidente della Federal Reserve

Per quanto riguarda la politica monetaria la settimana in chiusura è stata caratterizzata da una straordinaria densità di annunci. Su tutti la decisione della Fed di aumentare il tasso di interesse interbancario dello 0,25%. Inoltre la Bank of Japan ha confermato la sua manovra ultra-espansiva, l’Argentina ha annunciato la reintroduzione del tasso di cambio libero tra peso e dollaro, l’Egitto ha rimandato la decisione in merito alla variazione dei tassi. 19/12/2015 Continua a leggere “Tassi e rischi dell’espansione monetaria, for dummies”

Notizie dalla fine del mondo: speciali interattivi, lancio della gallina, Coldiretti e Isis, eserciti europei, tassi zero, banche salvate a metà e COP21

Continua la rassegna stampa di LdS, in cui vi proponiamo tante cose interessanti trovate in rete, Continua a leggere “Notizie dalla fine del mondo: speciali interattivi, lancio della gallina, Coldiretti e Isis, eserciti europei, tassi zero, banche salvate a metà e COP21”