Aiutiamoli (vicino) a casa loro?

Immigration

Il parco Gorky pullula di bambini. Sono ovunque. Bardati sotto i loro cappotti e con in testa cappellini di varie fogge e colori, è divertente osservarli mentre si rincorrono, giocano chiassosamente nella neve o implorano i giovani genitori di portarli a pattinare nell’enorme pista di ghiaccio che è stata recentemente aperta.

Io sono lì con un mio amico tedesco a fare due passi per goderci le poche ore di sole in questo fine autunno moscovita. Non riesco a esimermi dal commentare che una scena analoga, al parco Sempione, o in qualsiasi parco italiano, non avrei mai potuto vederla.

Continua a leggere “Aiutiamoli (vicino) a casa loro?”

Annunci

Micromega fa schifo

All’inizio pensavo che la rivista di Flores D’Arcais fosse solo boriosa, poi ho avuto l’epifania: non è boriosa, fa proprio schifo. Se così non fosse, non potrebbe pubblicare pezzi di questa levatura [CLICCA QUI], dove quanto accaduto alla Volkswagen altro non è che il contrappasso per quanto accaduto alla Grecia; se non facesse così schifo, un intellò à l’italienne non potrebbe mettere nero su bianco che delle disgrazie della casa automobilistica alla fine ci godiamo un po’ tutti: “Vedete!” pensa il nostro acuto scrittore, “anche i tedeschi sbagliano e non rispettano le regole!”. Continua a leggere “Micromega fa schifo”

Road to 14th: la lezione morale

flag ue
In occasione del Consiglio europeo (che, per onestà intellettuale ed ai trattati europei, non chiameremo vertice europeo) straordinario convocato per il 14 settembre 2015 sul tema dell’immigrazione, i Liberali da Strapazzo inaugurano la rubrica “Road to 14th”, che vi traghetterà fino alla fatidica data per farvi arrivare ad essa preparati.

La discussione politica, europea, nazionale ed internazionale, di questi ultimi tempi è infuocata dal dibattito sulla questione immigrazione. Sappiamo oramai tutti bene di quanto esteso e perdurante nel tempo sia questo fenomeno, ed abbiamo oramai imparato a conoscere le posizioni di diverse personalità europee per via delle loro posizioni a dir poco raccapriccianti (vedi Orban) o per via di inaspettate e quantomai piacevole posizioni. Dato che di Continua a leggere “Road to 14th: la lezione morale”

Merkel, Tsipras, Nash.

Uno spettro si aggira per l’Europa: lo spettro della banalità. Oggi su tutti, ma proprio tutti i quotidiani europei (e anche alcuni americani, il buon Krugman non se ne lascia sfuggire una), c’era almeno un editoriale che parlava della cattiveria teutonica. L’intesa non piace al Der Spiegel, non piace ai quotidiani della sinistra e della destra europea, non piace a molti commentatori italiani. Non piace neanche al Financial Time, sul quale Wolfgang Münchau si spinge a definire l’accordo come la Demolizione del Progetto Europeo, azzardando addirittura che la moneta unica abbia avuto un effetto negativo per la crescita italiana. Grillo non avrebbe saputo dirlo meglio. Continua a leggere “Merkel, Tsipras, Nash.”

“Vecchia Europa” vs. “Nuova Europa” – Grecia, affittasi

Grecia Vendesi

È oramai questione di poche ore: alle 0.00 di domani la Grecia verrà considerata “in arretrato” nei pagamenti dal Fondo Monetario Internazionale poiché non può ripagare il prestito di 1,6 miliardi. Ma lascio l’analisi prettamente economica a chi se ne intende più di me: Continua a leggere ““Vecchia Europa” vs. “Nuova Europa” – Grecia, affittasi”