#FertilityDay, che problema c’è?

Premessa.

Ho letto la prima pagina del “Piano Nazionale per la Fertilità redatto dal Ministero della Salute. È scritto con un lessico angusto, esprime concetti ormai superati dal sentimento comune. Va però detto che a capo del suddetto ministero non c’è (purtroppo) Marco Pannella, ma una ministra, Beatrice Lorenzin, facente parte di un partito microscopico che si rivolge ad un elettorato fortemente ancorato ai valori cattolici.

Continua a leggere “#FertilityDay, che problema c’è?”

Di Cirinnà e medievalismo latente

Se esistono due parole che riescono a fare impallidire anche il più accanito parlamentarista e a fargli sperare che il governo ritorni all’era dei decreti legge a mitraglia di Monti, quelle sono diritti civili.

Pronunciarle, da parte di un membro della maggioranza o peggio ancora del governo, vuol dire gettare un sasso da 200 kg nel proverbiale stagno; vuol dire assistere al sollevarsi di un polverone che ricorda molto la mostruosa tempesta di sabbia di Mad Max (guardatelo, è un gran film). Continua a leggere “Di Cirinnà e medievalismo latente”