Chi ha incastrato Harvey Weinstein

Francesco Saverio Salonia

L’antefatto è che qualche donna famosa nello showbiz se n’è uscita che un potente produttore di Hollywood per decenni ha elargito favori in cambio di scopate.

E tutti: “ohhhhh chi l’avrebbe mai potuta immaginare una zozzeria del genere? Sono basito e indignato”.

Ora, ci starebbe tutto un grasso e superfluo “svegliatevi cazzo” collettivo, se non fosse che credo sia palese a chiunque che neanche una sola persona nel globo sia rimasta genuinamente stupita dalla notizia.  Continua a leggere “Chi ha incastrato Harvey Weinstein”

Annunci

Pensiero mattutino: sulla semplificazione (o l’impoverimento) del linguaggio politico.

Francesco Alberici*

“Semplificazione” è un termine molto in voga ultimamente; tuttavia proporrei un sinonimo, imperfetto perché comporta un lieve spostamento semantico, ma funzionale a questo discorso: “impoverimento”. La semplificazione (o l’impoverimento) del linguaggio, in tutti i campi del discorso pubblico, in Italia è un dato interessante. In particolare vorrei concentrarmi sul discorso politico. Continua a leggere “Pensiero mattutino: sulla semplificazione (o l’impoverimento) del linguaggio politico.”

Notizie dalla fine del mondo: Schengen, crediti deteriorati, scienziati che diventano rapper

Questa settimana è passata all’insegna di crediti deteriorati, Schengen, mercati finanziari e Iran. Bonus track: rapper che pensano la terra sia piatta, alla Cia guardano tanta televisione, lauree in 5 minuti.

Continua a leggere “Notizie dalla fine del mondo: Schengen, crediti deteriorati, scienziati che diventano rapper”

Notizie dalla fine del mondo: la scienza dietro le lotterie miliardarie, bolle finanziarie, complottismi e tanta geopolitica

Tra gli eventi della settimana lo scoppio della bolla finanziaria e i rischi dell’espansione monetaria, le elezioni in Usa, il futuro delle auto senza pilota, il prezzo del greggio. Bonus track: i miliziani dell’Oregon si divertono con dildo e 55 galloni di lubrificante, Sean Penn ci parla di puzzette e narcotrafficanti, Ted Cruz crede di essere nel 1979.

Continua a leggere “Notizie dalla fine del mondo: la scienza dietro le lotterie miliardarie, bolle finanziarie, complottismi e tanta geopolitica”

Notizie dalla fine del mondo: Batmobili a guida autonoma, elezioni USA,tanta geopolitica e qualche proposito per l’anno nuovo

Immagine senza nome2
Lavoy Finicum, membro della milizia dell’Oregon,  si nasconde armato sotto un telo blu, preparandosi allo scontro coi federali


Terminate le feste, è ora di riprendere anche la rassegna stampa di LdS. Al centro delle ultime settimane il CES di Las Vegas, gli assalti a Colonia, le minacce nordcoreane, i problemi economici della Cina, gli avvenimenti in Oregon. Non mancano analisi della disuguaglianza mondiale e del sistema fiscale americano. Bonus track: il calendario sexy di Putin e qualche stranezza dalle elezioni USA.
Continua a leggere “Notizie dalla fine del mondo: Batmobili a guida autonoma, elezioni USA,tanta geopolitica e qualche proposito per l’anno nuovo”

Notizie dalla fine del mondo: Molise, Darth Trump, bail-in, crisi di liquidità in Medio Oriente, esternalità positive tra Porno e Fallout 4, ISIS, cultura aziendale in VW e altre amenità della settimana

DARTH TRUMP! dico solo DARTH TRUMP! Quello vero!

Donald Trump Is a Bad Person, Peter Suderman su Reason.com Continua a leggere “Notizie dalla fine del mondo: Molise, Darth Trump, bail-in, crisi di liquidità in Medio Oriente, esternalità positive tra Porno e Fallout 4, ISIS, cultura aziendale in VW e altre amenità della settimana”

Notizie dalla fine del mondo: speciali interattivi, lancio della gallina, Coldiretti e Isis, eserciti europei, tassi zero, banche salvate a metà e COP21

Continua la rassegna stampa di LdS, in cui vi proponiamo tante cose interessanti trovate in rete, Continua a leggere “Notizie dalla fine del mondo: speciali interattivi, lancio della gallina, Coldiretti e Isis, eserciti europei, tassi zero, banche salvate a metà e COP21”

Un paese di santi, poeti, navigatori e laureati con lode

Alberto Grillo*

Vorrei dire la mia, con qualche giorno di ritardo, sull’episodio riguardante il ministro Poletti e la sua frase “meglio uscire dall’università con 97 a 21 anni che con 110 e lode a 28 anni”. Linko quest’articolo del corriere perché riporta anche i dati dell’ultimo rapporto di Almalaurea sui laureati italiani. La mia opinione in breve è che se di questo tragicomico aspetto dell’università italiana se n’è accorto anche un ministro della repubblica, forse c’è speranza che qualcosa cambi (per quanto ritengo anche io che nel suo caso sarebbe stato più elegante fare direttamente riferimento alla sua situazione di non laureato senza aspettare la presa in giro collettiva). Continua a leggere “Un paese di santi, poeti, navigatori e laureati con lode”

Notizie dalla fine del mondo: salvataggi bancari, geopolitica pentastellata, bombardamenti, vaccini e banconote da 500 euro

Con le scaramucce dell’ultima settimana tra Russia e Turchia abbiamo dato per certo l’arrivo dell’inverno nucleare, almeno stando a quanto riportato dal feed di Facebook.
Visto che stamane non ci siamo ritrovati nell’ambientazione di Fallout 4 (a parte il Deathclaw allo specchio), qui a LdS abbiamo deciso di inaugurare una sorta di rassegna stampa con tante cose interessanti trovate in rete, Continua a leggere “Notizie dalla fine del mondo: salvataggi bancari, geopolitica pentastellata, bombardamenti, vaccini e banconote da 500 euro”