Di Cirinnà e medievalismo latente

Se esistono due parole che riescono a fare impallidire anche il più accanito parlamentarista e a fargli sperare che il governo ritorni all’era dei decreti legge a mitraglia di Monti, quelle sono diritti civili.

Pronunciarle, da parte di un membro della maggioranza o peggio ancora del governo, vuol dire gettare un sasso da 200 kg nel proverbiale stagno; vuol dire assistere al sollevarsi di un polverone che ricorda molto la mostruosa tempesta di sabbia di Mad Max (guardatelo, è un gran film). Continua a leggere “Di Cirinnà e medievalismo latente”

Annunci

Notizie dalla fine del mondo: la scienza dietro le lotterie miliardarie, bolle finanziarie, complottismi e tanta geopolitica

Tra gli eventi della settimana lo scoppio della bolla finanziaria e i rischi dell’espansione monetaria, le elezioni in Usa, il futuro delle auto senza pilota, il prezzo del greggio. Bonus track: i miliziani dell’Oregon si divertono con dildo e 55 galloni di lubrificante, Sean Penn ci parla di puzzette e narcotrafficanti, Ted Cruz crede di essere nel 1979.

Continua a leggere “Notizie dalla fine del mondo: la scienza dietro le lotterie miliardarie, bolle finanziarie, complottismi e tanta geopolitica”

Notizie dalla fine del mondo: Batmobili a guida autonoma, elezioni USA,tanta geopolitica e qualche proposito per l’anno nuovo

Immagine senza nome2
Lavoy Finicum, membro della milizia dell’Oregon,  si nasconde armato sotto un telo blu, preparandosi allo scontro coi federali


Terminate le feste, è ora di riprendere anche la rassegna stampa di LdS. Al centro delle ultime settimane il CES di Las Vegas, gli assalti a Colonia, le minacce nordcoreane, i problemi economici della Cina, gli avvenimenti in Oregon. Non mancano analisi della disuguaglianza mondiale e del sistema fiscale americano. Bonus track: il calendario sexy di Putin e qualche stranezza dalle elezioni USA.
Continua a leggere “Notizie dalla fine del mondo: Batmobili a guida autonoma, elezioni USA,tanta geopolitica e qualche proposito per l’anno nuovo”

Di libertà e milizie armate

Libertà.

Bella parola, non è vero? Quando io ci penso, la collego istintivamente all’immagine di una dolce brezza estiva in un campo di grano dorato. Che volete farci, sono poetico.

Evidentemente però in molti, specie nell’America rurale del profondo Oregon, la collegano a qualcosa di diverso. A un fucile semiautomatico AR-15, per esempio. O a una bella rivolta contro il governo federale. Continua a leggere “Di libertà e milizie armate”

Mailgate, o come attaccare codardamente un candidato migliore di te

Sebbene dai media italiani sia stato poco percepito negli USA, terra dai mille scandali passeggeri, impazza il mailgate. Ma cos’è?

Partiamo da una premessa: riguarda Hillary Clinton. Si tenga bene a mente che negli ultimi mesi (anzi negli ultimi anni) la destra conservatrice e la sinistra socialdemocratica a stelle e strisce hanno fatto di tutto, con attacchi sessisti e capziosi (da ambo le parti), per farla passare come la malvagia candidata dell’estabilishment, la donna di Wall Street, l’altra faccia della medaglia Obama. Continua a leggere “Mailgate, o come attaccare codardamente un candidato migliore di te”